Impianti Gpl Metano

Impianti Gpl Metano

Quali sono le differenze tra auto a metano e GPL? In questa pagina cercheremo di fare chiarezza tra le diversità che intercorre tra

quanto si risparmia con l'impianto a gas per auto Gpl o Metano
quanto si risparmia con l’impianto a gas per auto Gpl o Metano

una autovettura alimentata a Gpl ed una che invece monta l’impianto a metano. Partiamo dalla prima le vetture a Gpl sono quei veicoli che rientrano nella categorie dei “doppia alimentazionecome quelle a metano, ovvero quelli che sono in grado di funzionare con due tipi di carburante, quindi benzina e in questo frangente Gpl.

Il Gpl  “Gas propano liquido”, ed è appunto una miscela di idrocarburi derivanti dal petrolio, in cui l’ingrediente principale è il propano, ovviamente in stato liquido.

Il costo del rifornimento è un indice particolarmente apprezzato e che pende decisamente in maniera favorevole nei confronti del Gpl, infatti il prezzo per questo carburante è decisamente inferiore a quello di qualsiasi altro che sia benzina, gasolio e addirittura del metano,

il Gpl risulta il più economico sul mercato. Le automobili a gas propano liquido sono mezzi di trasporto dal mantenimento per chilometro molto conveniente, poiché si arriva ad avere un’autonomia corrispondente alla metà di un analogo modello alimentato esclusivamente a benzina (se il benzina ha un’autonomia di 500 chilometri, il serbatoio di Gpl corrisponde a 250 chilometri). Quindi questi veicoli sono una soluzione davvero interessante per chi viaggia tanto e fa molti chilometri, ma vuole risparmiare sul costo dei carburanti e non solo. Inoltre il lato positivo è che sono delle vetture ecologiche, in quanto nella creazione di questo carburante vengono separati dal petrolio sia il piombo che il benzene, che rientrano tra le sostanze più inquinanti e nocive che sono invece presenti negli altri carburanti di origine fossile.

E’ stimato inoltre che i veicoli di questo tipo emettano tra il 20% e il 30% in meno di polveri sottili (PM10) e il 50% di anidride carbonica (CO2) rispetto ai corrispettivi veicoli alimentati unicamente a benzina. Il gpl ha anche dei lati negativi il primo è la resa chilometrica, ovvero con un litro di gas propano liquido si percorre circa il 1/4 di strada in meno di quanta se ne percorre con un litro di benzina. Un altro aspetto negativo che si può riscontrare è quello delle prestazioni, infatti un veicolo alimentano a gas propano liquido registra un decadimento delle performance costante e consistente rispetto ad un’automobile di pari massa e cilindrata ma alimentata a benzina o gasolio, e questo si nota specialmente nell’accelerazione, che risulta davvero mortificata. Un altro punto negativo la manutenzione di questi impianti Gpl (specie se si ha la bombola a bordo), infatti può capitare molto spesso che ci siano delle

A differenza del Gpl che si è affermato solamente negli ultimi anni il Metano è presente come carburante fin dagli anni Trenta, ed ha avuto un’impennata a partire dal 1973, quando l’Italia fu colpita dalla crisi petrolifera, che indusse molte case automobilistiche a pensare a costruire vetture con diverso carburante, a causa degli alti costi dell’oro nero. Anche per le auto che montano l’impianto a metano come anticipato prima, si parla di “bi-fuel” ovvero benzina e metano. Come per il Gpl il vantaggio si ottiene dal risparmio economico in vista dei rifornimenti e il basso impatto ambientale con minori danni da inquinamento. Sono infatti questi i vantaggi sostanziali di dotare la propria auto di un serbatoio supplementare per il “gas naturale compresso”, altrimenti detto metano. Con una vettura di questo tipo si risparmia il 60% sui costi di carburante rispetto alla benzina visto che con un chilo di metano, che equivale a circa un litro, si percorre in media 1,5 o 1,6 volte la strada che si percorre con la benzina, senza considerare che come carburante viene venduto a poco meno di un euro al chilo. Anche il metano per auto ha degli svantaggi per gli utilizzatori. In primo luogo, un serbatoio supplementare per il gas occupa spazio prezioso, riducendo quindi la capacità di carico, anche perché il più delle volte il famoso “bombolone” del gas viene installato nel bagagliaio. In secondo luogo, anche se l’Italia è il primo paese europeo per numero di distributori con più di 900 unità sparse nella Penisola, ci sono ancora diverse zone, specie al Meridione, in cui è difficile se non impossibile fare il pieno ecologico. Se poi si prende l’auto per un viaggio all’estero, bisogna mettere in conto di percorre molta strada a benzina visto che le aree di servizio “metanizzate” in alcuni Paesi (eccezion fatta per Germania, Austria e Svizzera) sono rare. Inoltre un ulteriore svantaggio è il calo delle prestazioni del motore in termini di ripresa, anche se la tecnologia sta facendo passi da gigante per ovviare a questa lacuna.

OFFICINA

DMC

Soccorso e Assistenza Manutenzioni e Riparazioni Auto

PREVENTIVI:

339 2752765

Erasmo Caporaso

SOCCORSO

STRADALE

Chiamateci per assistenza su strada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *